EllaOne, il boom della pillola dei cinque giorni dopo

Da gennaio a ottobre 2016, sono state 200.507 le pillole dei 5 giorni dopo vendute, contro le 13.401 del 2014: in due anni la loro richiesta è aumentata di ben 15 volte. Il boom delle vendite di questo farmaco anticoncezionale segnale però come le coppie italiane, sopratutto le più giovani, tendano a far poca attenzione ancora alla protezione in materia sessuale. ellaOne è spesso assunto da chi ha rapporti sessuali senza l'utilizzo del preservativo, da parte di donne che non prendono regolarmente la pillola anticoncezionale, e di conseguenza, oppure rischia con metodi come l'interruzione del coito prima dell'orgasmo. Eppure oggi in Italia viene acquistata una ellaOne, nome commerciale della compressa, ogni due minuti.

L'aumento delle vendite è imputabile a vari elementi: l'anticoncezionale ha un costo molto accessibile, solo 26 euro, inoltre la sua vendita è stata liberalizzata (grazie alle direttive europee) nel maggio 2015 e per acquistarla non è più necessario avere una ricetta medica, sebbene tali vincoli rimangano nei confronti dei minorenni.

"Rendere libero l'acquisto di questo metodo contraccettivo d'emergenza senza l'obbligatorietà di prescrizione è stata una scelta giusta e di civiltà", ha detto Sara Valmaggi (nella foto sopra), vicepresidente del consiglio regionale della Lombardia per il Pd che ha richiesto i dati a Federfarma. Dati che si prestano a numerose riflessioni.

Con l'aumento delle vendite, il ministero della Sanità registra anche un calo degli aborti, -9,3% rispetto al 2014. "Il progresso della farmacologia e le prese di posizione chiare delle istituzioni sanitarie possono tutelare la salute oltre che ridurre inutili costi sociali ed economici". Ci si affida alla contraccezione d'emergenza e non a una vera programmazione o meno delle gravidanze.

Ma se la liberalizzazione della pillola è riuscita ad evitare alle donne la terribile odissea che le vedeva rimbalzare tra un pronto soccorso e l'altro, nella speranza di trovare un ginecologo non obiettore che rilasciasse la ricetta, dall'altra l'aumentare delle vendite costituisce un fattore davvero preoccupante. Io lo sento come un mio fallimento perché, insieme ai colleghi medici, non sono assente "una cultura consapevole della procreazione". La pillola dei 5 giorni dopo è un concezionale di emergenza e non deve essere usata come prevenzione per una gravidanza indesiderata.


Popolare

COLLEGARE