Dj Fabo, un saluto in chiesa a Milano

Alla commemorazione era presente anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, che ha voluto esprimere "la mia vicinanza prima da cittadino che da sindaco". Il riferimento è alla vicenda del marito Piergiorgio Welby, morto nel 2006, favorevole all'eutanasia, come del resto lo stesso Fabo, ma al quale, una volta deceduto, non erano stati concessi i funerali in chiesa, a Roma, per espresso divieto della Curia e del cardinale Camillo Ruini. Nella clinica elvetica, dj Fabo era arrivato il giorno prima, accompagnato dal radicale Marco Cappato, tesoriere dell'associazione Luca Coscioni: al suo rientro a Milano, Cappato si è autodenunciato ai carabinieri.

"Non è la parrocchia di famiglia, ma è quella a cui è più legata la mamma di Fabiano che, intanto, lo ha ricordato via Twitter così:" Il dolore é grande, ma sono orgogliosa del coraggio che hai dimostrato. La vedova Welby ha voluto anche sottolineare che, in questa occasione, la Chiesa ha fatto "un atto pubblico di accoglienza e consolazione". Poi ha aggiunto: "Siamo qui in tanti stasera, me lo avevate detto ed è vero, Fabo ci ha radunati". Con la mamma, la fidanzata e gli amici: a Milano a celebrare è don Antonio Suighi, amico della madre del giovane, in un momento di commozione per il ragazzo. Parole pronunciate nei giorni scorsi, subito dopo l'annuncio postato su Facebook dall'inseparabile compagna di Fabiano, Valeria, che gli è stata vicino per tutti gli anni della malattia fino all'ultimo viaggio in Svizzera: "Per chi volesse salutare Fabo la cerimonia sarà venerdì 10 alle ore 19.00 nella parrocchia di Sant'Ildefonso, piazzale Damiano Chiesa 7". "Oltretutto l'attività che Cappato avrebbe svolto è stata svolta non Italia, ma all'estero, e quindi lui dovrebbe rispondere alla legge svizzera, che non prevede reati in questa fattispecie".

A Malta, il mare ingoia la Finestra Azzurra
Il luogo era molto popolare tra i subacquei e i turisti che visitano periodicamente l'arcipelago maltese. L'arco di roccia che domina l' Isola di Gozo è una delle bellezze naturali maggiori di Malta.

"A giudicare dalla crescita vertiginosa delle chiamate che riceviamo - sottolinea - è davvero urgente una legge anche in Italia, un Paese che obbliga ancora oggi a morire in esilio". Sala ha detto anche che "il Governo ha il dovere di portare a termine la legge sul fine vita".


Popolare

COLLEGARE