Cancellato volo ministro esteri turco, furia Erdogan: "Olandesi fascisti!"

L'arrivo sul suolo francese avviene dopo che oggi il capo della diplomazia turca si è visto rifiutare il permesso di atterrare in Olanda, mossa che ha scatenato le ire del presidente turco Recep Tayyip Erdogan che ha accusato i Paesi bassi di comportamenti nazisti. Il leader della destra xenofoba Geert Wilders, con il vento in poppa nei sondaggi, che durante la campagna elettorale ha più volte definito Erdogan un dittatore, ha colto la palla al balzo commentando la vicenda su Twitter: "A tutti i turchi in Olanda che sono d'accordo con Erdogan: andate in Turchia e non tornate MAI più!". "Non parteciperemo alla visita di un responsabile governativo turco che vuole fare campagna per il referendum (previsto in Turchia sulla riforma, ndr.)".

Stamattina Cavusoglu aveva minacciato l'Olanda di "pesanti sanzioni" in caso le autorità avessero bloccato la sua trasferta. "Non avevamo altra opzione", ha detto Rutte spiegando in conferenza stampa la scelta di vietare l'atterraggio dell'aereo. E' chiaro che le richieste di fare comizi in paesi stranieri non potevano essere accettate, è come se un esponente del governo italiano andasse a fare comizi alle comunità di connazionali che vivono negli Stati Uniti: inaccettabile.

Un 'no' all'atterraggio del ministro degli Esteri turco in Olanda ha scatenato uno scontro aperto, dopo giorni di tensioni, tra la Turchia e i Paesi bassi. La programmazione di una serie di comizi in Europa da parte di esponenti del governo turco ha trovato, nelle ultime settimane, l'opposizione da parte del governo olandese, austriaco, ma soprattutto tedesco, portando Ankara e Berlino sull'orlo di una crisi diplomatica. Inoltre Rutte ha avvertito che il suo Paese "non cederà ai ricatti" della Turchia. E anche a proposito dello stop in alcune città tedesche Erdogan aveva tirato fuori il paragone con il nazismo, in dichiarazioni rilasciate domenica scorsa.


Popolare

COLLEGARE