Bambino autistico rifiutato dalle scuole a Lanciano

Rabbia e sconcerto per la mamma del piccolo che vorrebbe denunciare all'Autorità Giudiziaria l'episodio e si é anche rivolta al sindaco di Lanciano Mario Pupillo. "Ero andata a iscriverlo alla Don Milani - ha raccontato la donna - ma avevano già otto bambini invalidi iscritti nell'unica prima". Abbiamo esteso l'invito anche ai dirigenti scolastici degli istituti coinvolti, affinché vengano chiariti i contorni della vicenda raccontati dalla mamma del bambino, che mi ha informato della questione direttamente. "Auspichiamo una rapida soluzione nell'unico e preminente interesse del bambino e del suo diritto allo studio. - conclude Pupillo - Lavoriamo di concerto con i dirigenti e la mamma per questo obiettivo, senza clamori e a tutela del bambino". Mio figlio è autistico, ma capisce bene quando viene rifiutato e soffre", ha spiegato, sottolineando che fino a questo momento il figlio è stato seguito a scuola e di essere "pronta a tutto pur di farlo continuare a stare con gli altri bambini e ragazzi.

La donna, dopo aver cercato l'appoggio del sindaco si è rivolta alla stampa spiegando che la mancanza di spazio di cui si lamentavano i tre istituti non era per il numero di alunni in genere, ma per quello di disabili già accettati: "Mi sono rivolta così a due scuole molto più grandi che hanno diverse sezioni".

"Sono arrabbiata, dispiaciuta e da madre ho il cuore a pezzi per quanto sto vivendo per poter iscrivere mio figlio alla scuola media". Sul caso si è attivato il ministero dell'Istruzione, provvedendo agli opportuni accertamenti tramite l'Ufficio Scolastico regionale, per far sì che sia al più presto trovata una soluzione.


Popolare

COLLEGARE