Snapchat si prepara al debutto in borsa: l'obiettivo è raccogliere 3 miliardi

Il gruppo a capo della app punta a quotarsi mettendo in vendita titoli per tre miliardi di dollari. Morgan Stanley, Goldman Sachs, JPMorgan, Deutsche Bank, Barclays, Credit Suisse e Allen & Co sono gli underwriter dell'Ipo e agiranno come joint bookrunner.

Ovviamente l'offerta pubblica iniziale non farà cambiare in alcun modo la gestione, che resterà nelle mani dell'amministratore delegato Evan Spiegel e del cofondatore Bobby Murphy, i quali avranno una quota di 5,5 miliardi di Dollari a testa. La società sarà indicata nella NYSE (New York Stock Exchange) sotto il simbolo SNAP, e venderà azioni prive di valore di voto, caso unico nel suo genere. L'anno scorso, Snapchat ha registrato perdite per 515 milioni di dollari. Ma è aumentato anche il rosso: le perdite nel 2016 hanno raggiunto 514 milioni di dollari contro i 373 milioni di dollari nel 2015.

Nel quarto trimestre dell'anno, Snapchat ha annunciato di avere 158 milioni di utenti attivi al giorno. Da quel momento, Snapchat ha visto crollare le visualizzazioni dal 20 - 30 per cento al 40 per cento (secondo la società di analisi 'Delmondo').

A quanto pare, Snapchat sta soffrendo la concorrenza degli altri social, in particolare di Instagram.


Popolare

COLLEGARE