Serie A: Palermo-Sampdoria 1-1, le pagelle

All'8′ corner per i padroni di casa, batte B. Henrique ma la difesa ospite spazza. Il gol di Quagliarella, che risponde al rigore di Nestorovski, ammutolisce il Barbera e rimanda all'inferno i rosanero, che avevano sperato nei tre punti. Al 65′ è di nuovo Nestorosvki ad essere pericoloso, si getta sulla respinta di Regini al tiro di Sallai, ma calciando il porta trova la risposta di un reattivo Viviano.

Beffa per il Palermo nel lunch match di serie A. I rosanero sono stati raggiunti in casa sull'1-1 proprio allo scadere dalla Sampdoria. Lo concede Doveri al 31' al Palermo per un fallo di Bereszynski su Balogh. Prima della fine del primo tempo Chochev spaventa Viviano con un siluro dalla distanza, fuori di poco. Termina 1-1, i rosanero possono recriminare per la vittoria sfumata sul gong, ma recuperano comuqnue un punto all'Empoli (sconfitto ieri dalla Juve), ora distante 7 lunghezze. Finisce così, che rammarico. Samp che ci prova con un colpo di testa di Silvestre di poco alto.

Che vive un ottimo momento di forma e che, nonostante qualche battuta a vuoto stagionale, sta vedendo andare in porto nel migliore dei modi la scommessa-Giampaolo, arrivato a guidare i blucerchiati dopo l'ottima esperienza all'Empoli.

Virginia Raggi ricoverata in ospedale per un malore
Su un grande striscione srotolato sulla scalinata adiacente a Palazzo Senatorio c'è scritto: " Sì allo stadio basta melina ". E' uscita dall'ospedale visibilmente provata, nonostante i sorrisi a senti stretti regalati ai fotografi, Virginia Raggi .

Intenso anche il secondo tempo, tra due squadre che combattono su ogni palla, ma i reparti cominciano a sfilacciarsi e le squadre si allungano molto, favorendo lo spettacolo e il divertimento. Azione fenomenale di Muriel che consegna a Quagliarella il pallone del pareggio: l'attaccante non sbaglia e pareggia i conti. Poi ancora Palermo con Nestorovski, al 65′, che sporca un tiro di Sallai che inizialmente aveva colto al volo il buon suggerimento ancora una volta di Rispoli.

Degni di nota i soliti Rispoli e Nestorovski, ma a spiccare è senza dubbio Bruno Henrique in mezzo al campo: da rivedere i figli dell'est, ovvero Balogh e soprattutto Sallai. A disp.: Marson, Fulignati; Vitiello, González, Šunjić, Morganella, Jajalo, Bonfiglio.


Popolare

COLLEGARE