Sarri alla Rai: Vediamo se a Madrid saremo in grado di giocarcela

Loro sono partiti fortissimo, ma era prevedibile che la loro pressione sarebbe calata. Abbiamo fatto un buon secondo tempo e per me è stato un passo in avanti.

"Alla pari è dura da dire.La squadra sta bene poi c'e da vedere se siamo una squadra già in condizione di giocare contro queste squadre". Adesso abbiamo la giusta mentalità, sappiamo estraniarci dall'esterno e questa partita lo dimostra.

In vista della grande sfida di metà febbraio, quella con il Real Madrid, l'allenatore della squadra azzurra sembra voler confermare il modulo tecnico-tattico. Perché la sola idea di vederlo seduto sulla panchina della Juventus il prossimo anno ha messo in subbuglio i tifosi napoletani, com'è normale che sia, dopo il "tradimento" di Higuain dell'estate passata. Promettere ai napoletani di non tradirli? "Non ho ancora iniziato a studiare il Real ma so benissimo che ha campioni di livello mondiale nella propria rosa, servirà una gara perfetta e soprattutto dovremo capire quando essere più sfrontati nel corso della gara". In quei momenti si scorda di tutto e tutti e va come un treno, e può fare anche più di un gol in quel lasso di tempo. Anche i giocatori vogliono andare a Madrid per vedere a che punto sono contro certe squadre.

Sarri ha speso qualche parola sulla prestazione di Giaccherini, partito titolare: "Ha dimostrato grande professionalità, non ha mollato mai".

"Ci sono venuti a prendere alti ed abbiamo faticato a prendere in mano la partita". Nell'ultimo mese ha raggiunto la perfetta condizione e quando ha giocato ha fatto bene, segando anche due reti.

Una squadra che soddisfa sempre di più Sarri che replica alle voci di suoi incontri con la Juventus: "Condannerei a tre anni di lavori socialmente utili - spiega - chi fa il fantacalcio". Preparazione adeguata? Ho cambiato poco, ho adattato i calciatori, ma anche nella scorsa stagione stavamo bene in questo periodo. "Dipendiamo solo dai risultati".


Popolare

COLLEGARE