PewDiePie e Disney: bufera per il celebre youtuber

Il motivo è ben spiegato, Pew's ha infatti pubblicato alcuni video contenenti riferimenti antisemiti, tra tutti un recente scherzo in cui due uomini indiani (pagati attraverso un sito di freelancer), cantano impugnando un cartello con la scritta "morte a tutti gli ebrei".

YouTube non ha invece commentato l'argomento, preferendo ribadire quanto scritto nel regolamento: "Se il contenuto intende essere provocativo o satirico, può restare online".

I fan del giovane youtuber hanno immediatamente preso le difese del proprio beniamino, e hanno ribadito che si tratta soltanto di battute pesanti.

Kjellberg dichiara che il materiale è stato utilizzato per scherzare. "Non possiamo accettare contenuti di partner che abbiano come tema l'odio e la violenza". Faccio video, faccio intrattenimento e non intendo pubblicare commenti politici. Tra questi ce n'era uno che raffigurava un uomo vestito da Gesù Cristo che diceva che "Hitler non aveva fatto assolutamente nulla di male".

Internet ha permesso la nascita di strumenti di comunicazione innovativi che hanno cambiato in maniera notevole il modo in cui le persone si tengono in contatto con amici e familiari, dando vita anche a piattaforme come YouTube, che hanno dato modo ad alcune persone di sfruttare la propria creatività per farsi conoscere da un pubblico molto ampio, creando delle vere e proprie web star che generano miliardi di visualizzazioni. "Ovviamente non era mia intenzione offendere, e capisco che queste battute abbiano potuto urtare la sensibilità di alcuni".

PewDiePie si è quindi scusato con tutte le persone coinvolte, in ogni caso si tratta di un grave episodio che potrebbe avere ulteriori ripercussioni sulla carriera dello YouTuber. Deve ricordarsene prima di divulgare video con questo genere di battute e di humor pesante. E voi cosa ne pensate?


Popolare

COLLEGARE