Paris Saint Germain-Barcellona 4-0 | Champions League

Nel giorno di San Valentino, Parigi ha acceso tutte le sue luci e ha fatto innamorare l'intera Europa del calcio.

Cavani e soci sono stati superiori in tutto agli avversari, ipotecando il passaggio ai quarti di finale di Champions League.

Penalizzato dal pronostico e dagli ultimi tre precedenti (nei quali ha sempre perso), il Paris Saint-Germain ha avuto un avvio straordinario.

Il primo tempo del Psg è avvincente, con la squadra di Emery che travolge il Barcellona con il dinamismo e la tecnica dei propri attaccanti e chiude sul 2-0 la prima metà di gara.

E' un primo tempo di marca dei padroni di casa, che prendono sin da subito in mano il pallino del gioco facendo la partita con grande intensità e aggressività su ogni pallone, mentre gli ospiti non riescono a far girare la palla con la giusta velocità, risultando troppo prevedibili e senza idee. Il poker lo serve al 72' Cavani con un diagonale imprendibile per Ter Stegen. Risvegliatosi dal letargo iniziale, il Barcellona ha preso possesso del match e costretto il Psg a chiudersi in difesa e a sfruttare solo eventuali ripartenze. Dall'altra parte, Luis Enrique rinuncia a sorpresa a Rakitic a centrocampo dove trova spazio il portoghese André Gomes. Davanti la solita, temibile, MSN che quest'anno ha già messo a segno 63 gol e 30 assist.

Nella notte del Parco dei Principi la Pulce sembra non scendere in campo e a prendersi la scena è l'altro argentino Angel Di Maria. Verratti è un motore inesauribile, come Di Maria. Con Messi e Neymar mai in partita, il più pericoloso fra i blaugrana è Umtiti che nel finale colpisce un palo in mischia.


Popolare

COLLEGARE