Montella in conferenza: "Sono orgoglioso della prestazione"

Per Vincenzo Montella, il match dell'Olimpico non sarà comunque decisivo: "Mancherebbero ancora 14 partite, la sfida con la Lazio non è decisiva in ottica coppe".

Il cammino che il Milan cinese intende seguire per il futuro è già stato in parte segnato: sarà Montella a guidare i rossoneri nella nuova, e si spera vincente era che la società milanese sta per vivere. "Siamo a pochi punti dall'Europa League, domenica avremo un altro scontro diretto, siamo in piena corsa". "Oggi la catena di sinistra non si conosceva nemmeno". Ci credo perchè è una sfida completamente aperta. Non abbiamo fatto una grande prestazione, ma è difficile essere sempre bravi, sempre forti e sempre vincenti. Locatelli? Questo è il momento in cui si cresce: lui deve stare tranquillo e sereno perché diventerà un grandissimo calciatore. "Se avessi giocato io non avrei avuto la loro forza di pareggiare questa sera". Non è in uno dei migliori periodi mentali, non è una bocciatura.

Mercoledì la partita con il Bologna, vinta nonostante la doppia inferiorità numerica; il Milan ha portato a casa la vittoria grazie alla rete di Deulofeu ma la particolarità è che i tre punti sono arrivati con Bacca e Lapadula in panchina. "Non so se ci fosse il rigore e non so se ci fosse quello su Abate ma non voglio commentare gli episodi arbitrali, non l'ho mai fatto e non voglio farlo".


Popolare

COLLEGARE