Dove e come vedere lo spettacolo delle stelle cadenti

Gli esperti suggeriscono di uscire tra la mezzanotte dell'11 e l'alba del 12 agosto, momento in cui il fenomeno dovrebbe essere più marcato. È infatti Il 10 agosto che nei cieli si potrà vedere ammirare lo sciame meteorico delle Perseidi, chiamate anche lacrime di San Lorenzo.

Ultima raccomandazione: preparatevi una bella lista di desideri da esprimere, sarà una buona occasione per esprimerli tutti e sperare si avverino. A render ancora più visibile le scie delle Perseidi, sarà la quasi mancanza della luna.

Può sembrare banale ma, soprattutto nelle città, è complicato trovare spazi privi di interferenze luminose (case, lampioni ecc.) e che consentano un'ampia visione del cielo. La notte di S. Lorenzo porta sulle spiagge migliaia di persone che approfittano dell'appuntamento con le stelle cadenti per trascorrere la notte in riva al mare. "Ad arricchire il programma - ha aggiunto Paolo Volpini, dell'Unione Astrofili Italiani (Uai) - ci saranno anche alcune spettacolari congiunzioni, in particolare con Luna, Marte e Saturno che formeranno suggestive configurazioni nella prima parte delle serate". - Nella notte tra il 10 e l'11 Agosto al Nord avremo maggiore probabilità di cielo nuvoloso, con qualche pioggia più probabile al Nordest e a ridosso dei rilievi alpini del Cuneese nonché fin sulle coste romagnole. Entrando con grandissima velocità nell'atmosfera terrestre, queste particelle, grandi anche solo come un granello di sabbia, la ionizzano, creando le caratteristiche scie luminose. Il picco della loro attività è previsto tra l'11 e il 12 agosto, con una previsione di circa 200 meteore l'ora. Una gran quantità di incontri saranno organizzati nel nostro paese dalla Rete degli astrofili italiani, con eventi distribuiti in borghi e piccoli osservatori su tutto il territorio, dalla calabrese Cirò fino alla piemontese Odalengo.

Gli spettacoli notturni si concluderanno intorno al 24 agosto.


Popolare

COLLEGARE