Servizio sui soldi in nero a Corona cancellato: Davide Parenti si dimette

Bufera su Le Iene con il probabile addio del suo creatore Davide Parenti stanco, molto stanco della gestione Mediaset delle criticità e in particolare colpevole di aver bloccato nella puntata del 5 maggio - ultima per questa stagione - la messa in onda del servizio di Filippo Roma su Fabrizio Corona. Entriamo nel dettaglio per capire cosa è successo nello specifico. In realtà, come riportato sempre dal Corriere della sera, Parenti non potrebbe neanche presentare lettere di dimissioni, in quanto non dipendente Mediaset. Il motivo? Legato a Fabrizio Corona.

E' di poche ore fa la notizia lanciata dal sito web "Dagospia" in cui si dice che Davide Parenti, storico papà delle Iene, avrebbe deciso di lasciare Mediaset.

Su questo punto bisogna registrare una nota di Betti Soldati (che cura la comunicazione del Maurizio Costanzo Show), che rilancia un comunicato Mediaset: "In merito a indiscrezioni di stampa totalmente infondate, Mediaset precisa che nessun servizio relativo a Fabrizio Corona è stato cancellato dai palinsesti per motivi di opportunità editoriale". Scrive infatti Dandolo: 'La cancellazione del servizio di Filippo Roma sui soldi in nero presi da Fabrizio Corona, sacrificato in nome di Maurizio Costanzo, che aveva ottenuto l'esclusiva video del 'Furbizio' redento'. Insomma, Parenti si sente sacrificato rispetto alle grandi star di Mediaset, costretto a piegarsi davanti, ad esempio, a una Maria De Filippi. Cercheranno un accordo? O Parenti si prenderà un anno sabbatico per studiare nuovi progetti? All'origine di questa scelta, alcuni episodi che lo avrebbero penalizzato. Qualcuno avrebbe insinuato che sia stato lo stesso Costanzo a chiedere di bloccare il servizio in questione. La notizia è stata riportata dal sito Dagospia che la dà per certa.


Popolare

COLLEGARE